Come ottenere il visto per l'Uzbekistan ad Istanbul

Informazioni di base e la prassi generale dettagliata che ti aiuta ad ottenere il visto per l'Uzbekistan all'ambasciata in Turchia di Istanbul senza spese di agenzia o agenti di viaggio: documenti, costo del visto, lettera d'invito e dove recarsi in pochi chiari e semplici passi.

Turchia / Istanbul / / di Alessandro Cormio

Ottenere il visto per entrare in Uzbekistan, passando per l’ambasciata ad Istanbul, è abbastanza semplice, rispettando pochi semplici passaggi e con giusto un po’ di pazienza e con la consapevolezza di incontrare personale non proprio disponibilissimo.
In primis -e non figura ancora su google maps, ad oggi, occhio-, il piccolo ufficio di pertinenza dell’ambasciata per ottenere il visto si è spostato di recente all’indirizzo 8 Lale Sokak, Levent Caddesi, una piccola traversa a meno di 5 minuti di distanza a piedi dall’uscita della metropolitana di Levent, che si trova sulla M2, a poche fermate a nord della caotica Taksim.

L’ufficio non è immediatamente riconoscibile, abbastanza nascosto all’interno di un’area residenziale, con un cancello sempre chiuso ma con la presenza di un guardiano che vi indicherà la direzione (ovviamente senza parlare inglese).

Per chi deve fare richiesta e consegnare i moduli, è possibile eseguire il tutto dalle ore 10 alle ore 12 del mattino, dal lunedì al venerdì. Gli stessi orari sono validi per il ritiro (ovviamente portate con voi il passaporto originale), anche se, da quanto ho sentito, per chi invece ha una lettera d’invito da una compagnia turistica qualsiasi, potrebbe dover attendere giusto qualche ora e vedersi consegnare il visto in giornata.

Il processo è abbastanza semplice:
Bisogna prima di tutto compilare il modulo online all’indirizzo evisa.mfa.uz/evisa_en/ con i vostri dati.
Fatto ciò, dovrete stampare il formulario che viene generato dal sistema, con un codice unico a barre identificativo della vostra richiesta, allegare una foto formato passaporto e per finire una fotocopia della pagina principale del vostro passaporto.

Fatto ciò, non dovrete far altro che recarvi in 8 Lale Sokak, Levent Caddesi e consegnare il tutto e pazientare: per diverse nazioni come per quella italiana, non è necessaria una lettera d’invito (anche se, per chi ha fretta, è consigliabile comunque).
Senza la lettera d’invito i tempi si dilatano di circa 10 giorni (nel mio caso è bastata una settimana a dire il vero), mentre con la lettera, in un paio d’ore circa dovreste avere già tutto pronto.

Allo stesso indirizzo, evisa.mfa.uz/evisa_en/ sarà poi possibile controllare lo stato di rilascio del visto, utile per chi non fa richiesta con lettera d’invito o per chi, in ogni caso, non riceve il visto il giorno stesso: basterà inserire il numero del vostro passaporto e, se vi saranno restituite le vostre informazioni di base, poco dopo aver cliccato sull’OK della pagina “check visa status”, starà a significare che, si, il visto è finalmente pronto! In caso contrario, vi sarà restituito un semplice messaggio “non abbiamo informazioni per te” (in lingua inglese).

Quali tipologie di visto posso richiedere per l'Uzbekistan?

Dal punto di vista turistico, possiamo ottenere un visto ad ingresso singolo, multiplo e di transito.
Al momento in cui ho fatto richiesta all’ambasciata in Istanbul, la situazione era la seguente:

- 7 giorni ingresso singolo US $ 60;
- 15 giorni ingresso singolo US $ 70;
- 30 giorni ingresso singolo US $ 80;
- 3 mesi ingresso singolo US $ 100;
- 6 mesi ingresso singolo US $ 140;
- 1 anno ingresso singolo US $ 160;

- 6 mesi ingressi multiplo US $ 170;
- 1 anno ingressi multipli US $ 270;

- 72 ore visto singolo di transito US $ 60;
- 72 ore visto ad ingresso doppio US $ 70.

È possibile ottenere anche visti per gruppi (10 persone in poi) e altre varie tipologie che sicuramente vi interesseranno meno, in questo caso.

La cosa importante da sapere è che il pagamento del visto deve essere effettuato al ritiro (portando ovviamente il passaporto originale dove dovrà essere applicato il visto) presso un’ufficio bancario di pertinenza e che va pagato in DOLLARI, e NON in lire turche.

Vi verrà chiesto di andare a pagare quanto dovuto ad una banca distante pochi passi, AK BANK, che vi prenderà ulteriori 3$ di commissione.

Altre informazioni utili da sapere per il rilascio del visto Uzbeko

- In caso di problemi o supporto, o se non avete a disposizione con voi un dispositivo sul quale poter effettuare la richiesta del visto online, via internet, o varie ed eventuali, a pochissimi passi (date un occhio alle foto qui presenti) troverete un piccolo ufficio di supporto (non c’entra nulla con l’ambasciata Uzbeka, è privato), con personale gentilissimo che potrà compilare l’applicazione per voi (intorno a quella zona non ci sono internet cafè, ma c’è un McDonalds’s con wifi gratuito sulla strada principale dove si trova la metro Levent) o darvi qualche indicazione, pagando una piccola cifra per il disturbo per i pochi minuti rubati (dovrebbe chiedervi dalle 10 alle 15 lire turche, ma se gli proporrete 5 lire, secondo me accetterà ugualmente, a patto che siate titolari di un passaporto non “complesso” per richiedere la pratica, come quello italiano);

- Ricordate che il pagamento va effettuato in dollari, alla banca indicata, al momento del ritiro aggiungendo 3$ di commissione per la banca stessa;

- Se andate di fretta, procuratevi una lettera d’invito (che comunque avrà un costo, che da quanto ho capito non è nemmeno bassissimo, che potrebbe raddoppiare i costi del visto);

- È possibile ottenere il VISTO ALL’ARRIVO, per alcune nazioni come per quella italiana, SOLTANTO SE volerete verso l’aeroporto di Tashkent (se viaggiate via terra, dimenticate OVUNQUE di poter utilizzare la pratica del visto all’arrivo) e SOLO E SOLTANTO con una lettera d’invito (LOI) e che nel vostro paese sia presente un’ambasciata dell’Uzbekistan;

- Inoltre, se volete visitare qualche altra nazione dello “stan”, in cui è difficile entrare in genere, come il Turkmenistan, potrebbe essere estremamente sensato, per avere decisamente più possibilità di ottenere il visto di transito di 3/5 giorni massimi che di solito vengono concessi a chi ci viaggia senza una guida.
Ecco, in questo caso, ottenere prima il visto per l’Uzbekistan sarà utile (o una qualsiasi altra nazione che confina con il Turkmenistan) in modo tale da poter allegare, al momento della richiesta del visto turkmeno, una fotocopia del visto Uzbeko, ad esempio, che possa dimostrare che non avete alcun interesse a restare nel paese e che avete semplicemente bisogno di attraversare il Turkmenistan per arrivare in Uzbekistan se, come nel mio caso, avete intenzione di affrontare un viaggio via terra e senza voli (con ovviamente un piccolo giro di passaggio in questa misteriosa nazione, perché no).

Supportato da

trip-and-travel-blog mongolia-asia-centrale-blog farfalle-trincee-blog